Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

Beans | Bio-Boogie – Daniele Silvestri x Funky Pushertz

Si parla di:

Daniele Silvestri + Funky Pushertz

A Daniele Silvestri piace molto giocare con la lingua italiana, lo avevamo capito negli anni. Non gli manca nemmeno il piglio di storyteller riadattato al rap nostrano. Sa rappare, sa cantare parlando, sa usare perfettamente la sua voce su una base anche senza cantare insomma. Ha sempre avuto l’orecchio attento alla scena hip hop italiana, del resto in questo nuovo disco appena uscito Acrobati ha scritto e duettato con gente come Caparezza. Ma la canzone che vi presentiamo oggi l’ha scritta e prodotta coi bravissimi campani di Torre del Greco, Funky Pushertz. Una crew nata più di 10 anni fa, un gruppo composto da 5 ragazzi  (Boom Buzz, Kayaman, Mastu Nzo’, Red Dog e il producer Tonico Settanta) che ha spinto buoni pezzi in compilation nazionali di tutto rispetto e ha condiviso palchi con tutti i top della scena rap funky italiana. Sì, perché il loro stile è ironico e assolutamente funky.

 

 

Sono figli del soul  e celebrano il loro sarcasmo con questo pezzo, Bio-Boogie, insieme all’amico Silvestri. Dove con giochi linguistici, ci si beffa  un po’ di questa cultura biologica che ha invaso le nostre vite, le nostre abitudini quotidiane,  e ci si diverte a sfottere quanto questa cultura sia diventata una sorta di psicosi collettiva, uno stile di vita oramai quasi forzato “cu nu poc e diossina si chi coltiv a chilometro zero ra sti part è n’assasin addevent aggresiv si ngoppa a n’etichetta nun aggio letto senza erbicidi nociv”. Sono bravi i funky torresi, il pezzo cala pure nel raggae a tratti. D’ampie vedute, si preannuncia anche il loro prossimo disco in uscita quest’anno. E bravi, ‘sti ragazzi!

 

Funkie Pushertz | facebook

Hai una label discografica? Sei un dj, producer o beatmaker?
Manda la tua roba all’indirizzo mail:
music@ziguline.com

Noi ascolteremo ogni beat, sentiremo ogni singola nota
e magari ci facciamo scappare un Beans.

Manuela Maiuri

scritto da

Questo è il suo articolo n°56

Sullo stesso genere:

Community feedback