Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

Casio G-Sessions are complete

Si parla di:

La campagna G-Session di Casio si conclude oggi, nella capitale tedesca, alla Kraftwerk con un party danzante durante il quale saranno presentati i sette progetti dei rispettivi team di creativi delle sette città europee: Milano, Londra, Barcellona, San Pietroburgo, Parigi, Amsterdam e Berlino.

 

 

La campagna G-Sessions ha visto sorgere temporary store G-Shock in ognuna delle città che partecipanti. L’ambasciatore creativo locale ha fatto da guida in veste di rappresentante del contest. I negozi temporanei sono serviti agli artisti locali per mettere in mostra le loro abilità e hanno rappresentato il punto di incontro per creare il team di rappresentanza della propria città all’evento finale. L’ambasciatore creativo locale ha avuto l’onere e l’onore di selezionare il concept vincente.

Ogni città-paese coinvolto ha messo alla prova i giovani creativi locali per la realizzazione del design del nuovo G-Shock e della confezione che accompagna l’orologio giapponese.  I finalisti avranno la possibilità di realizzare il proprio progetto che poi verrà prodotto in serie limitata, la votazione è iniziata il 28 ottobre scorso e si concluderà oggi sul sito dedicato, vota anche tu e vinci un G-Shock in edizione limitata.

 

G-SHOCK Info

Nato al tempo in cui gli orologi erano generalmente considerati strumenti fragili, G-SHOCK ebbe inizio come il sogno di un giovane ingegnere, che volle creare “un orologio che non si rompe, anche quando cade”. Quell’ingegnere era Kikuo Ibe, il direttore del reparto design orologi di Casio. Nel 1981, venne formato un primo Project Team, composto da tre membri, destinato a realizzare la visione di Ibe. Tutto ebbe inizio dal cosiddetto concept del “Triplo 10”: resistenza da 10 metri di caduta, 10 bar (oggi 20) di pressione acquatica e 10 anni di vita della batteria. Raggiungere il loro obiettivo si rivelò incredibilmente difficile. Esausti sia fisicamente che mentalmente dopo mesi di duro lavoro, iniziarono a temere che il loro progetto fosse destinato al fallimento. Fu proprio in quel momento che Ibe osservò alcuni bambini giocare in un parco. “Nessun impatto raggiunge l’interno di una pallina di gomma che rimbalza”, pensò. Questa osservazione condusse il team alla sviluppo di un orologio con una struttura cava e un modulo sospeso all’interno. Dopo la produzione di oltre 200 prototipi sperimentali, realizzarono la prima struttura shock-resistant. Il primo G-SHOCK, il DW5000, fu lanciato nel 1983 dopo circa due anni dall’inizio dello sviluppo. Da allora G-SHOCK ha seguito il sentiero di un’evoluzione unica, continuando a mantenere la base della sua struttura ereditaria. Oggi, mentre G-SHOCK celebra il suo trentesimo anniversario, il forte, fiero spirito acceso dalla passione di Ibe brucia di una fiamma sempre più alta.

 

Casio G-Session | sito | facebook

Il gran capo

scritto da

Questo è il suo articolo n°3455

Sullo stesso genere:

Community feedback