Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

LE PAROLE DELLA POLITKOVSKAJA E LA VOCE DI MAKSIN CRISTAN

Si parla di:

foto Maksim Cristan

Il 12 marzo, il Caffè Letterario di Lecce apre le sue porte ad uno scrittore-personaggio, che con il suo romanzo (Fanculopensiero), edito da Feltrinelli nel 2007, ha fatto conoscere la sua originale storia ad un vasto pubblico. Si tratta di Maksim Cristan, scrittore di strada. Nato nella notte delle streghe del 1966, a Pola, Istria, è approdato a Milano nel 2000, per poi trasferirsi a Lecce nel 2005. Una vita fuori dagli schemi, segnata da scelte radicali, testimoni di una personalità complessa e profonda.
Nell’ambito della rassegna “Quante storie per un caffè”, che vede la direzione artistica di Ippolito Chiarello e la collaborazione con NASCA Teatri di terra, Maksim presenta letture, oltre che di sue tre poesie, di brani tratti dal “Diario russo” di Anna Politkovskaja*, un libro che è il testamento morale della giornalista russa, ma anche la spiegazione implicita del suo assassinio, avvenuto il 7 ottobre 2006, e rimasto impunito. L’accompagnamento musicale sarà a cura del chitarrista Tommaso Manfredi.
La serata sarà un’occasione non solo per conoscere meglio lo scrittore croato – ex manager che un giorno ha deciso di lasciare tutto, per cominciare una nuova vita ed essere libero di viverla come più gli piace -, ma anche per ricordare la Politkovskaja, cronista famosa in tutto il mondo per i suoi reportage sugli orrori della guerra in Cecenia e sulle violazioni dei diritti umani in Russia, una donna che ha pagato con la propria vita la scelta di voler raccontare la verità ” Io vivo la vita e scrivo ciò che vedo”. Il reading non sostiene nessuna causa, tranne quella dei diritti principali: la libertà e la libertà di espressione.

*“Anna amava moltissimo il suo Paese, per questo non poteva stare zitta. C’era chi non voleva sentirla, chi aveva paura di ascoltarla, chi non era in grado di reggere la pesantezza delle sue denunce. Ma per tanti costituiva un esempio di impegno e coraggio”

Il gran capo

scritto da

Questo è il suo articolo n°3455

Sullo stesso genere:

Community feedback