Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

News: al MOCA sta per partire Art in the Streets

Si parla di:

Il MOCA di Los Angeles torna a far parlare di sè dopo la clamorosa figura di merda fatta qualche mese fa quando il suo direttore, Jeffrey Deitch,  decise di far cancellare l’opera di Blu, da lui stesso commissionata, perchè, a suo dire, risultava eccessivamente controversa. Ebbene, il Museo dell’Arte Contemporanea di Los Angeles, il MOCA, ha appena annunciato la data d’apertura del loro prossimo evento dedicato ai graffiti ed alla street art. Si chiamerà “Art in the streets” è viene annunciata come la più grande mostra sulla street art mai realizzata in un museo americano. L’evento che partirà il 17 aprile e terminerà solo l’8 agosto per poi fare tappa presso il museo di Brooklyn dall’8 marzo al 30 luglio del 2012. L’esposizione intende presentare una panoramica del fenomeno “street art” e “graffiti” a partire dai suoi albori del 1970 fino all’evoluzione su scala globale avutasi negli ultimi anni. Cinquanta saranno le installazioni che verranno ospitate a firma dei più importanti esponenti della scena internazionale, tra questi: Fab 5 Freddy (New York), Lee Quiñones (New York), Futura (New York), Margaret Kilgallen (San Francisco), Swoon (New York), Shepard Fairey (Los Angeles), Os Gemeos (San Paolo), e JR (Parigi). Una sezione della mostra verrà dedicata alla scena artistica di Los Angeles dove sono previste delle sezioni speciali sui cosiddetti graffiti “cholo” e sulla “Dogtown skateboard culture”.  Particolare enfasi verrà posta sui fotografi e sui filmakers che hanno documentato il fenomeno “graffiti” e “street art” come Martha Cooper, Henry Chalfant, James Prigoff, Steve Grody, Gusmano Cesaretti, Estevan Oriol, Ed Templeton, Larry Clark, Terry Richardson, e Spike Jonze.  Caro Deitch stavolta stiamo tranquilli? o dobbiamo aspettarci qualche tuo nuovo colpo di scena?

Per chi volesse saperne di più: moca.org

Il gran capo

scritto da

Questo è il suo articolo n°3455

Sullo stesso genere:

Community feedback