Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

Il rito nella fotografia di Cristina García Rodero

Si parla di:

La bellezza della fotografia dipende da molte sue caratteristiche. Ne esistono numerosi generi, tipi, correnti e ognuna ha il suo senso e la sua importanza. Uno di questi generi è la fotografia reportistica che ha come elemento distintivo quello di voler documentare eventi, luoghi o descrivere delle situazioni.

 

Venezuela. Yaracuy state. Sorte mountain. Maria Lionza cult. 2005. Coronation.

 

Cristina García Rodero è una storica fotografa spagnola che nel suo decennale lavoro ha cercato di:

“ […] fotografare l’anima misteriosa, vera e magica della Spagna popolare in tutta la sua passione, amore, umorismo, tenerezza, rabbia e dolore, in tutta la sua verità raccontando i momenti pieni e intensi nella vita di personaggi così semplici e irresistibili, come fosse una sfida personale nella quale ho investito tutto il mio cuore “.

 

 

È nata a Puertollano, in Spagna, e ha studiato pittura alla Scuola di Belle Arti dell’Università di Madrid, successivamente ha ottenuto la qualifica di insegnante e per sedici anni si è dedicata a quest’attività. L’amore per la fotografia è nato successivamente agli studi e in concomitanza con l’interesse per le feste tradizionali, sacre o pagane, della Spagna in particolare ma anche di tutta l’area mediterranea. Il materiale che ha raccolto tra il 1974 e il 1989 è, inoltre, una riflessione sulla transizione democratica nella Spagna del 1975.

 

Cristina Garcia Rodero

 

Le sue ricerche fotografiche sui riti culminano nel 1989 con la pubblicazione del libro España Oculta, premiato al Festival Internazionale di Fotografia ad Arles come Book of the Year. Oltre al valore documentaristico, ciò che rende il suo lavoro speciale è la cura estetica delle immagini. Attraverso queste foto cerca di esprimere i sentimenti che si sviluppano durante questi eventi.

 

 

Le sue foto, per lo più in bianco e nero, sono bellissime e il suo occhio è invisibile. Riti voodoo, feste patronali, riti sacri e pratiche religiose ma anche il Burning Man affollano le fotografie di questa paffuta signora che è la prima spagnola ad entrare nell’agenzia Magnum nonchè una delle fotografe contemporanee più apprezzate dalla sottoscritta e dal pubblico mondiale. Ha vinto numerosi premi in tutto il mondo, come per esempio il W. Eugene Smith Foundation Prize, il Premio Nacional de Fotografía in Spagna e il Golden Eye Award del World Press Photo. Negli ultimi anni la Rodero ha spesso viaggiato per Haiti documentando i riti Voodoo producendo una serie di ritratti estremamente espressivi . Dal 2009 è un membro dell’agenzia Magnum.

 

 

Per saperne di più:

www.magnumphotos.com

 

Maria Caro

scritto da

Questo è il suo articolo n°442

Sullo stesso genere:

Community feedback