Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

I racconti americani di Wim Wenders nella personale di Villa Panza

Si parla di:

Wim Weders è ancora una volta in Italia con una mostra fotografica dal titolo emblematico Wim Wenders. AMERICA, infatti, la personale del regista/fotografo rappresenta un omaggio all’amico Dennis Hopper e al suo riferimento artistico Edwars Hopper.

W.Wenders, Entrance, Houston, Texas, 1983
W.Wenders, Entrance, Houston, Texas, 1983

 

L’esposizione è stata inaugurata lo scorso 16 gennaio e sarà visibile fino al 29 marzo negli spazi di Villa Panza, un edifico storico, sede del Fai, che grazie alla sua collezione permanente e al lavoro di curatela è diventato un punto di riferimento per l’Europa e gli Stati Uniti.

W.Wenders, Joshua and John (behind), Odessa, Texas, 1983
W.Wenders, Joshua and John (behind), Odessa, Texas, 1983

 

Le opere esposte sono 34 e di grandi dimensioni perché come ha dichiarato lo stesso Wenders: “ […] il formato serve a portare lo spettatore in un luogo e a fargli rivivere le sensazioni che ho provato io. Io fotografo i luoghi, e come fotografo amo ascoltare quello che i luoghi mi raccontano.”. Il lungo rapporto tra Villa Panza e l’America è stata la fonte di ispirazione per l’artista che ha raccolto alcune immagini di viaggio realizzate tra gli anni ’70 e il 2003 negli Stati Uniti, immagini che immortalano paesaggi, scorci urbani, e momenti di inaspettata quotidianità.

W.Wenders, Woman in the Window, 1999
W.Wenders, Woman in the Window, 1999

 

“I paesaggi danno forma alle nostre vite, plasmano il nostro carattere, definiscono la nostra condizione umana e se sei attento acuisci la tua sensibilità nei loro confronti, scopri che hanno storie da raccontare e che sono molto più che semplici luoghi” (Wim Wenders).

W.Wenders, Entire Family Las Vegas New Mexiko, 1983
W.Wenders, Entire Family Las Vegas New Mexiko, 1983

 

Il colore è un elemento essenziale nelle sue fotografie, dosate in modo interessante e spesso protagonisti sia nella loro abbondanza che nell’assenza. Oltre alla composizione saggia e all’uso equilibrato dei colori Wenders rimane un amante delle geometrie che non rimangono fini a se stesse ma che diventano la base, la cornice dei suoi racconti.

W.Wenders, Western World Development, Near Four Corners, California, 1986
W.Wenders, Western World Development, Near Four Corners, California, 1986

 

A differenza della cinepresa, tecnologica e invasiva, Wenders considera la macchina fotografica, una Leica manuale old style, uno strumento silenzioso attraverso il quale impara a conoscere se stesso e a comprendere i luoghi e le persone imparando ad ascoltarli.

W.Wenders, Blue Range, Butte, Montana, 2000
W.Wenders, Blue Range, Butte, Montana, 2000

 

AMERICA è un’occasione per conoscere meglio il regista attraverso il “hobby” e uno valido pretesto per visitare la splendida Villa Panza e la sua collezione permanente.

 

Fai – Fondo Ambiente Italiano | sito

Villa Panza | mostra

 

Maria Caro

scritto da

Questo è il suo articolo n°449

Sullo stesso genere:

Community feedback