Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

Krijim, i Gods in Love a Tirana

Si parla di:

Un viaggio oltre l’Adriatico per i Gods in Love che hanno preso parte a un progetto di riqualificazione urbana voluto dal Ministero della Cultura Albanese come apertura di un programma più ampio che culminerà nel 2016.

Alessandro Suzzi e Daniele Bruno, infatti, sono stati i primi artisti coinvolti dall’amministrazione della capitale albanese per dare il via a un progetto che sta cercando di ripensare alla zona di Zogu zi, un punto cruciale per il traffico della città, e che il prossimo anno si esprimerà in un grande festival di street art che i due sono invitati a curare insieme all’amministrazione.

Insieme ai Gods in Love, hanno lavorato anche cinque studenti della Facoltà di Arte e Design del Politecnico di Tirana che, attraverso quest’esperienza, sono stati successivamente coinvolti nella realizzazione di un secondo lavoro questa volta prodotto direttamente da loro.

Il lavoro finale è un murale di grandi dimensioni intitolato Krijim che immortala una mano che custodisce un feto. La parola albanese “krijim” significa “creazione” ed è stata scelta dallo stesso ministero come emblema del percorso di crescita della città e della nazione, il feto rappresenta la volontà di un nuovo inizio e la mano l’Europa che lo accoglie.

Inoltre, due uccelli stilizzati ricordano lo stemma nazionale. L’Albania, dopo la caduta del regime comunista, sta cercando di darsi da fare e di diventare un paese moderno e vivibile e oltre ai settori di economia, turismo, l’Albania vuole evolversi anche attraverso la riqualificazione urbana e l’arte.

Il primo ministro Edi Rama, eletto nel 2013 e già sindaco di Tirana, è infatti molto sensibile all’arte in quanto anche lui è stato un aspirante artista e grazie alla sua attenzione nei confronti dell’urbanistica della città, già qualche tempo fa è cominciato un percorso di riqualificazione che ha permesso l’abbattimento di edifici abusivi, dei chioschi sulle rive fiume Lana e del risanamento delle sue acque, ha creato numerosi parchi nella città e costruito residenze che rispettano l’urbanistica cittadina.

La street art è uno degli strumenti che l’Albania ha deciso di utilizzare per dare nuova linfa alla città e ha dato vita a un programma di opere pubbliche per sensibilizzare la comunità a questa forma di espressione artistica e dare finalmente spazio e credibilità al panorama di artisti locali.

Maria Caro

scritto da

Questo è il suo articolo n°450

Sullo stesso genere:

Community feedback