Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

Il Libro del male è il nuovo libro di James Oswald, lo scrittore/allevatore

Si parla di:

Sono un’appassionata di storie di poco fuori dal comune e credo che la doppia vita di James Oswald sia un affascinante esempio di questa passione. James è inglese e per anni ha condotto una vita normale che lo ha portato nel tempo a fare i lavori più disparati, dal mercante di vino fino al contatto pieno con la natura grazie al suo impiego di allevatore di pecore. Mentre di giorno il caro James si crogiolava nei paesaggi bucolici insieme al bestiame od osservando un buon bicchiere di vino, la sera dava spazio alla sua passione, ovvero la scrittura. Dopo tanti anni di autodidattismo si è finalmente deciso a sfruttare i mezzi che l’internet mette a disposizione e si è auto pubblicato uno dei tanti libri che aveva scritto. Nel giro di pochi giorni l’e-book è stato scaricato circa 350.000 volte e credo che allora James abbia colto un significato pressoché ovvio in tanto entusiasmo e si sia lasciato sedurre dalle proposte editoriali della Penguin.

James Oswald
James Oswald

 

Da allora James è diventato uno scrittore affermato, ora vive a Fife in Galles dove alleva vacche delle Highlander e pecore Romney della Nuova Zelanda, ed è autore dell’amatissima collana di racconti polizieschi L’ispettore McLean e di una collana fantasy intitolata The Ballad of Sir Benfro oltre che di sceneggiature per fumetti e altri racconti.

Negli ultimi anni l’autore è diventato uno dei più apprezzati a livello mondiale nell’ambito dei crime fiction contemporanei ed è stato descritto con questo tipo di commento: “Un inizio eccellente per quella che si prospetta una serie imperdibile” da The Guardian, mentre il Daily Mail ha parlato di “Un fenomeno del web. Oswald è tra i migliori scrittori scozzesi di thriller”.

 

Il prossimo 25 febbraio è prevista l’uscita di Il libro del Male, il secondo capitolo della saga dell’ispettore McLean. Dieci donne sono state uccise in dieci anni, l’ultima era Kirsty la fidanzata dell’ispettore, dopodiché la catena di brutali assassinii è stata arrestata grazie alla sua astuzia e a un errore del killer di Edimburgo. Dopo dodici anni, l’assassino Donald Anderson è morto, ucciso nella sua cella e un nuovo omicidio con le stesse caratteristiche degli altri di dodici anni prima è stato commesso seguendo lo stesso macabro rituale. L’ispettore sarà costretto a riaprire una dura pagina della sua vita per scoprire se l’assassino catturato era quello sbagliato, se c’è un emulatore che esegue gli ì stessi terribili assassinii o se la fonte di tutto è un’altra.

Se ancora non conoscevate questo autore siete potete cogliere l’occasione per cominciare a leggere i suoi racconti, in caso contrario sarete già in coda davanti a una libreria.

Info:

Giunti Editore

Il gran capo

scritto da

Questo è il suo articolo n°3455

Sullo stesso genere:

Community feedback