Vuoi essere informato sui nostri Ticket Deals?
Iscriviti alla nostra newsletter.

* obbligatorio
Close

Realityvism, la settima edizione di Flussi

Realityvism è il concetto sul quale si dispiegherà l’edizione 2015 di Flussi, il festival di arti mediali più atteso in Campania (e non solo). Negli ultimi sette anni, infatti, l’Associazione Magnitudo ha costruito un interessante contenitore che racchiude musica, arte, ricerca e formazione, il tutto orientato alla sperimentazione digitale e all’innovazione, un evento che raccoglie l’interesse degli appassionati del digitale ma anche delle menti aperte a nuove forme di comunicazione.

Herman Kolgen

Il programma è come sempre molto ricco e comprende ancora una volta concerti, workshop, installazioni e screening con musicisti nazionali e internazionali, addetti ai lavori e artisti provenienti da diversi campi, tutti impegnati sul concept di Realityvism, una proposta di ricerca “affinché la nostra socialità, reinventi pratiche e politiche che attraverso la rete escano dalla rete per contagiare i corpi e la vita”.

Per la settima edizione, dal 26 al 30 agosto, si rinnova la suggestiva location del terrazzo del Teatro Gesualdo di Avellino con tanto di vista sui monti e che anche quest’anno rappresenterà il Main stage dei concerti serali, in sintonia con il Theater stage il set del concerto di Herman Kolgen e con l’altra interessante location di Casina del Principe dove si esibiranno gli artisti dell’Esp Stage.

Ute Wassermann

La lunga lista di nomi di musicisti prevede: Herman Kolgen, Samuel Kerridge, Janek Schaefer, John Duncan, Dave Phillips, Edwin van der Heide, Leafcutter John, John Chantler + Stefano Tedesco, Erikm, Mia Zabelka, Ute Wassermann, Michael Vorfeld, Jealousy Party, Alessandra Eramo, Retina.it, Ossatura, Flo Kaufmann, Gondwana, Toktek, Giulio Aldinucci, Petit Singe, Andrzej Zaleski.

Se durante le quattro serate di festival si alterneranno sui tre palchi artisti provenienti da diversi paesi, nei pomeriggi si approfondiranno ancora tematiche “in cui il fattore fisico e quello umano sono aspetti centrali”.

Michael Vorfeld

VoiceLab, a cura di Ute Wassermann, sarà un workshop in cui i partecipanti useranno la voce come un versatile strumento musicale basato sul respiro, le risonanze e particolari esercizi di articolazione spaziando attraverso un vasto catalogo di espressioni vocali.

Toktek

Durante il workshop Blender, a cura di Alan Zirpoli di Jedistudio, verranno impartite le basi del funzionamento del software, della sua natura e dei suoi strumenti, orientata alla stampa 3D, passando dalla teoria alla pratica sul software fino alla stampa dell’oggetto.

Leafcutter John

Introduzione alla realtà virtuale, a cura di Roberto Fazio, in questo laboratorio si ripercorrerà la storia della realtà virtuale e si esploreranno gli attuali hardware e software progettati per nuovi linguaggi come realtà aumentata, virtuale o mista.

Wearable microcontroller, a cura di Carmine De Rosa, sarà focalizzato sulla comprensione pratica e teorica delle tecniche utilizzate sia durante il processo di ideazione e progettazione che nella fase di realizzazione pratica di una performance interattiva audiovisiva, basata su sensori e microcontrollori “indossabili” come Arduino LilyPad.

Toktek

Happy Synth di Membretti – Cavadini da Otolab, fornirà invece le basi di tecniche di saldatura e lettura di schemi elettrici per conoscere i circuiti alla base degli strumenti musicali elettronici. Infine, nel workshop Conduction, a cura di Elio Martusciello, si darà risalto all’arte arte della maieutica attraverso la figura del conduttore d’orchestra.

Caterina Barbieri

Come sempre sul terrazzo del Teatro Carlo Gesualdo sarà allestito un percorso di sette installazioni, progetti per lo più interattivi a metà strada tra l’arte e la tecnologia, mentre sulle superfici che circondano il terrazzo si assisterà ai videomapping e infine, per quest’edizione, la collaborazione con Retina Festival porterà a Flussi le opere di numerosi artisti votati alla video arte.

 

 

Flussi Festival è uno dei pochi eventi davvero innovativi in Irpinia, garantisce ad ogni edizione un’offerta artistica e musicale di altissimo livello e sta dimostrando tenacia nel perseguire gli obiettivi prefissi e un interesse nell’evoluzione dei propri contenuti ed è proprio per questa ragione che Flussi merita il nostro contributo, quindi distogliete lo sguardo da queste righe e recatevi sul sito di IndieGogo per dare il vostro sostegno alla realizzazione dell’edizione 2015.

 

Flussi | sitofacebookcrowdfunding

Maria Caro

scritto da

Questo è il suo articolo n°450

Sullo stesso genere:

Community feedback